dolomitichannel su YouTube 
Un canale di video su YouTube, una pagina di fans su Facebook, un sito web dedicato alle Dolomiti, patrimonio naturale Unesco
A+ A A-

Sciatori in aumento sulle Dolomiti anche senza nevicate

 

Primo bilancio col segno positivo per il Dolomiti Superski che, con i suoi 1200 km di piste fra Veneto e Trentino Alto Adige, rappresenta il più grande comprensorio sciistico al mondo. “Dal 26 novembre, giorno d'inizio ufficiale della stagione invernale di Dolomiti Superski, al 06 gennaio, festività dell'Epifania - spiegano dal quartier generale del consorzio – abbiamo registrato un +4% in termini di giornate skipass vendute (in totale 3.423.632) con un +5% di passaggi complessivi (saliti a 35.059.419), con riferimento allo stesso periodo dell'anno precedente, che si era concluso con risultati da record per il comprensorio sciistico delle Dolomiti”. Grande soddisfazione dunque per i responsabili di Dolomiti Superski, che, sottolineano i fattori che hanno contribuito in maniera decisiva a questo exploit, pur essendo stato un inizio di stagione difficile, senza neve naturale e con le date di Natale e Capodanno che cadevano nel fine settimana.

“Anzitutto abbiamo avuto numerose giornate e nottate di freddo ad inizio novembre e si è quindi potuto iniziare presto e bene con l'innevamento programmato delle piste; poi l'apertura del Sellaronda già nel primo weekend di dicembre 2016, fatto storico mai accaduto da quando esiste il Dolomiti Superski; il ponte dell'Immacolata, cinque giorni, ha invogliato tanta gente a sciare: tra il 26/11 e l’11/12 si è registrato un +11,5% di passaggi complessivi e +7,4% di primi ingressi complessivi, a dimostrazione dell’ottima sciabilità fin dall’inizio di stagione; le piste innevate alla perfezione, che tanto successo hanno riscontrato nella clientela, che come non mai prima è stata invogliata all'acquisto di skipass stagionali, il che si traduce in un maggiore numero di passaggi ai tornelli realizzati dagli appassionati, ma anche un indotto spalmato nel corso della stagione; il grande impegno nella comunicazione, tradizionale (tv, radio e carta stampata) ma anche online, con i social media; le quattro gare di Coppa del Mondo di sci in Val Gardena e in Alta Badia; il grande ed importante lavoro svolto dagli oltre 3.000 collaboratori e collaboratrici di Dolomiti Superski in tutti i settori dell'attività e da quello dei ben 10.000 esercizi alberghieri e gastronomici; il fascino delle Dolomiti, dal 2009 Patrimonio Mondiale UNESCO”.

“Adesso per dare una svolta alla stagione di cui siamo complessivamente soddisfatti – spiega Renzo Minella presidente dell'Anef Veneto – ci vorrebbe un mezzo metro di neve fresca. Dai dati in nostro possesso infatti, facciamo fatica con gli skipass giornalieri, perché l'assoluta mancanza (per ora) di neve tiene lontano dalle piste la massa degli sciatori. L'appassionato c'è, scia e riconosce il grande lavoro che abbiamo fatto per garantire l'ottimale qualità delle piste. Il turista, che è poi quello che fa la differenza, si fa invogliare da un paesaggio imbiancato, che purtroppo ancora manca”.

Quali sono le prospettive per le settimane bianche? “A livello di intermediato, cioè di gruppi che si appoggiamo a tour operator per l'organizzazione, abbiamo buoni numeri e tantissime conferme delle prenotazioni; le piste sono perfette, la temperatura rigida le mantiene bene, il sole ci accompagna ormai da settimane. Quindi stanno arrivando polacchi, cechi, ungheresi, sloveni, in linea con lo scorso anno. Nei fine settimana ci sono le attività degli sci club, le gare, quindi non manca il movimento, però...”.

Però? “Chi deve ancora decidere, e può farlo senza problemi di costo, ad esempio va in Austria dove la neve naturale c'è”. I numeri delle festività? “Direi un Natale scarso, buono il Capodanno, ma i giorni successivi sono stati  condizionati dal grande vento, che ha anche bloccato alcuni impianti. Poi Natale e Capodanno che cadono di domenica non aiutano certo. Inoltre senza neve fresca perdiamo le ciaspole, i free ride, gli snowboarder, gli scialpinisti e i numeri degli impianti ne soffrono. Comunque le piste sono ottime e stiamo facendo di tutto per comunicarlo; abbiamo investito oltre 5 milioni di euro per questo e i cannoni non sono ancora spenti”.



I nostri video

Sport in montagna

Sci e montagna

Libri di montagna

Storie di montagna

Tradizioni di folklore

Economia di montagna

Luoghi di montagna

Arte in montagna

Tecnologie e montagna

Vivere e lavorare in montagna

Per acquistare clicca QUI
  

Sciare con i social network

Per acquistare clicca QUI
  

Io vivo in montagna

Per acquistare clicca QUI
 

 

Storie di uomini e imprese

Per acquistare clicca QUI
anche in eBook a € 4,99

 


Le Dolomiti

Tre Cime di Lavaredo 2012 1

Patrimonio Universale Unesco

MTB Comelico

Mountain Bike

 

Il paradiso della mountain bike

 

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies per la sua funzionalità. Utilizzandolo accetti che vengano scaricati sul tuo apparecchio.

Leggi la privacy policy

Leggi la direttiva europea sulla e-privacy

Hai rifiutato i Cookie. Questa decisione può essere cambiata.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.