dolomitichannel su YouTube 
Un canale di video su YouTube, una pagina di fans su Facebook, un sito web dedicato alle Dolomiti, patrimonio naturale Unesco
A+ A A-
Intervista a Daniela Olivieri, mente e anima dei negozi Franz Kraler
                                                                                          Il negozio Franz Kraler a Dobbiaco

Impossibile ormai passeggiare per Cortina senza incrociarne il nome, sulle vetrine dei negozi o sulle carrozzerie dei taxi. Franz Kraler è infatti popolarissimo a Cortina ed il merito è in larga parte di Daniela Olivieri, la moglie, che con lui condivide, da oltre 30 anni, vita, professione, strategie imprenditoriali. "A Cortina siamo presenti dal 2004 – spiega Daniela – con l’acquisizione del primo negozio, quello storico di Ghedina Foto al n. 107 di Corso Italia. Fu un’occasione perché allora non pensavamo assolutamente di uscire dai confini di Dobbiaco, la nostra casa madre. Ed invece oggi abbiamo sei negozi a Cortina ed uno anche a Bolzano". 

 

Avete intenzione di crescere ancora? «No, al momento non abbiamo ipotesi di nuovi punti vendita, anche se ci piacerebbe diversificare. Abbiamo corso molto in questi anni, anche per cogliere occasioni che si sono presentate e che sarebbe stato un peccato perdere. Ma ora abbiamo davvero bisogno di consolidare questa crescita tumultuosa, che ci ha portato ad un fatturato di 57 milioni di euro nel 2017, in crescita del 26% rispetto al 2016, che avevamo chiuso con 45 milioni (38 milioni nel 2015, ndr). Mentre il primo semestre di quest’anno è in linea con quello dei dodici mesi precedenti». 

Franz e Daniela si sono conosciuti nel 1984 a Dobbiaco, dove lui viveva e dove lei era in vacanza. I due si sposano nel 1986 ed iniziano a pensare al futuro, partendo da una delle spiccate prerogative di lei. “Ho sempre amato il lusso – confessa - anche se ovviamente allora non potevo comprarmi le cose che vendo adesso. Ho fatto un'analisi della zona di Dobbiaco: un vero paradiso, con tanti turisti facoltosi, ma senza negozi all'altezza di questa clientela particolarmente benestante. Ed allora abbiamo deciso con Franz di investire, con un certo coraggio, in questo segmento di mercato.”

Nasce così il primo multibrand del lusso in Alto Adige, con marchi di assoluto prestigio in un'ampia ed altrettanto prestigiosa location, niente di meno che la dependance della dimora estiva di Francesco Giuseppe, trasformata in un gioiello d'architettura eco-sostenibile.  “Sì, proprio dove l'imperatore andava con la sua Sissy. Franz aveva comprato questo edificio mezzo diroccato e ne abbiamo fatto la nostra boutique, con uno spazio espositivo che attualmente è di 2.500 metri quadrati.”

Come siete partiti? “Ho pensato innanzitutto a coinvolgere qualche ditta di nome, come Burberry, la scarpa inglese Church, il cachemire Malo, la sartoria napoletana Kiton, i filati di Loro Piana. Ho subito cercato di proporre il bello che dura nel tempo.” Poi un vero boom quello di Cortina! «Siamo partiti nel 2004 cogliendo un’offerta che ci era stata fatta. Ed ora è una vera e propria esplosione, perché oggi abbiamo 6 negozi. Abbiamo iniziato proponendo 5 griffe da uomo e 5 da donna, perché tutti gli altri marchi più prestigiosi erano già presenti in altri negozi. Ma oggi ne abbiamo complessivamente oltre 200, fra cui Valentino, Céline, Balenciaga, Chloé, Fendi, Gucci, Salvatore Ferragamo, Loro Piana, Givenchy, Burberry, Saint Laurent, Dolce&Gabbana, Prada».

Come si svolge il vostro lavoro? «Andiamo negli showroom, a Parigi, Londra, Milano, Firenze, Roma, New York; facciamo un ordine; aspettiamo la merce e poi verifichiamo quanto il nostro gusto abbia incontrato quello della clientela. Che a Cortina è sempre più internazionale, attenta, esigente».  

Come avete fatto a crescere così rapidamente? «Tanto lavoro, tanta passione, un po’ d’occhio, ma soprattutto il nostro gusto. Poi abbiamo segmentato il mercato, con il Franz Kraler junior e con department store per la donna e per l’uomo, con marchi di eccellenza riconosciuti a livello internazionale e di ottima qualità».  

Siete aperti anche la domenica? «No, secondo noi i nostri dipendenti hanno tutto il diritto di stare in famiglia quel giorno, a godersi il meritato riposo. Il sabato è la nostra giornata di punta, anche grazie alle tante seconde case. Da noi arrivano un po’ tutti». 

Qualche nome? «Da Riccardo Muti a Adriano Panatta, da Montezemolo alle famiglie Barilla, Zoppas, Moratti».

 

I numeri della Franz Kraler srl

La Franz Kraler srl ha una cinquantina di addetti, fra commessi, uffici amministrativi contabili, gestionali, ufficio stampa; ed ha chiuso il 2017 con un fatturato di 57 milioni di euro. Ha 8 negozi: la sede storica di Dobbiaco, i 6 di Cortina ed anche un outlet a Bolzano “dove vendiamo le collezioni degli anni precedenti – sottolinea Daniela Kraler - ma sempre di lusso in via Leonardo Da Vinci, dal maggio 2017”. A Cortina il pubblico è sempre più internazionale. “Il vero boom Cortina lo ha in inverno, quando la stagione dello sci è sempre particolarmente lunga. La neve porta gli stranieri, di tutti i paesi del mondo. Ma noi siano aperti tutto l'anno proprio per dare una mano a questo territorio. Ed abbiamo inoltre avuto la conferma che Cortina la conoscono tutti, mentre fino a poco tempo fa il turista sapeva poco di Dobbiaco ed anche della stessa Pusteria. Il pubblico internazionale è l'ideale per l'internazionalità dei nostri brand. Una nostra bella vetrina dà lustro a Cortina, e viceversa.” Da subito la Franz Kraler srl ha sostenuto varie iniziative sportive, partecipando come sponsor alla locale squadra di hockey, alla Winter Race ed anche stilando un accordo, da due anni, con tutti i tassisti che così portano il nome dell'azienda di Dobbiaco in viaggio costante per le strade di Cortina. Ai due genitori si è unito anche il figlio Alexander, nato il 1 gennaio 1989, che ad appena 25 anni ha già conseguito due lauree (una in lingua italiana all'Università di Verona ed una in lingua tedesca all'ISM di Monaco) ed in azienda si occupa della parte finanziaria. 

Stefano Vietina

twitter@vietinas

Articolo pubblicato dal Corriere delle Alpi del 4 settembre 2018 

 

I nostri video

Sport in montagna

Sci e montagna

Libri di montagna

Storie di montagna

Tradizioni di folklore

Economia di montagna

Luoghi di montagna

Arte in montagna

Tecnologie e montagna

Il sapore delle Dolomiti

Vivere e lavorare in montagna

Per acquistare clicca QUI
  

Sciare con i social network

Per acquistare clicca QUI
  

Papa Giovanni Paolo II 30 anni fa in Comelico e Cadore

Per acquistare clicca QUI

Io vivo in montagna

Per acquistare clicca QUI
 

 

Storie di uomini e imprese

Per acquistare clicca QUI
anche in eBook a € 4,99

 


Le Dolomiti

Tre Cime di Lavaredo 2012 1

Patrimonio Universale Unesco

MTB Comelico

Mountain Bike

 

Il paradiso della mountain bike

 

EU e-Privacy Directive

Questo sito utilizza cookies per la sua funzionalità. Utilizzandolo accetti che vengano scaricati sul tuo apparecchio.

Leggi la privacy policy

Leggi la direttiva europea sulla e-privacy

Hai rifiutato i Cookie. Questa decisione può essere cambiata.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.